Abubakar Shekau

Le ragazze convertite all’Islam – nuovo video diffuso dai Boko Haram

I Boko Haram hanno diffuso un altro video. Questa volta si vedono le ragazze con l’abito tradizionale islamico khemar, un velo che copre fino ai fianchi, recitare il Corano.

Nel video si apprende inoltre che le studentesse cattoliche sono state obbligate a covertirsi all’Islam.

Secondo la BBC, il leader del gruppo Abubakar Shekau ha detto che le terrà in ostaggio finché non saranno liberati tutti i membri del gruppo Boko Haram imprigionati.  

#BringBackOurGirls
Advertisements

Punto di svolta?

The Nigerian Tribune, un quotidiano locale, riporta la versione di Shehu Sani, un ex-negoziatore dei Boko Haram.

Secondo lui il gruppo islamico vorrebbe scambiare le ragazze con dei compagni imprigionati. Il video in cui Abubakar Shekau, il leader dei Boko Haram, minaccia di vendere le studentesse come schiave, avrebbe in realtà lo scopo di mettere pressione sul governo e favorire lo scambio.

“Dalla mia conoscenza del gruppo, il fatto che lui abbia detto che le venderà, è una prova che questa situazione può essere risolta. Il gruppo molto probabilmente vuole mettere delle condizioni sul rilascio delle ragazze, come la liberazione di alcuni dei suoi prigionieri” ha dichiarato l’ex negoziatore.

Aggiornamento

Da un aggiornamento recente sembra che le ragazze rapite questa volta siano 11 e non 8, come indicato in precedenza.
Lo ha precisato oggi un responsabile locale, specificando che 8 ragazze sono state catturate in una località e tre in un villaggio vicino. In totale sono oltre 200 le liceali sequestrate: Boko Haram ha rivendicato l’azione come un ‘castigo’ per l’istruzione “di tipo occidentale” impartito alle giovani studentesse.

 Il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, e’ “profondamente preoccupato” per la sorte delle studentesse recentemente rapite in Nigeria. Attraverso il suo portavoce, Ban afferma di condividere l’angoscia delle famiglie delle giovani e del popolo nigeriano in questo momento traumatico. “Prendere di mira bambini, ragazzi e scuole è contro il diritto internazionale ed è un’azione che non può essere giustificata in nessun caso”, afferma il segretario generale.

#brinbackourgirls

Taglia sui Boko Haram e ritorsioni

La polizia nigeriana ha promesso 300mila dollari a chiunque fornisca informazioni utili al ritrovamento delle ragazze. 

Purtroppo però questo ha fatto inferocire i Boko Haram che hanno assaltato Gamboru Ngala, una città al confine col Cameroon. Secondo il Senatore Ahmed Zanna, ci sono stati 300 morti. Il Senatore sostiene che l’attacco è stato possibile poiché i militari della zona erano stati spostati nell’area del Lago Chad in operazioni di ricerca.


BRINGBACKOURGIRLS

VIDEO

Il leader dei Boko Haram ha mandato un video in cui rivendica il rapimento delle ragazze.

Ecco la traduzione:

“Solo perche ho preso qualche ragazzina che stava vendendo educata nel sistema occidentale, tutti ne stanno facendo un grande affare.

Lasciatemelo dire: io prendo le ragazze. 

Ragazze: andatevi a sposare. 

Noi siamo contro l’educazione occidentale. Io vi dico: basta con l’educazione occidentale.

Ripeto: ho rapito le ragazze e le venderò. Ci sta un mercato per venderle “

Continua poi in  inglese

“In ogni nazione, in ogni regione, ci sta una decisione da prendere.

O siete con noi, intendo veri mussulmani che seguono il salafismo, o siete con Obama, Francois Hollande, George Bush, Clinton…non mi sono scordato di Abramo Lincon.

Ban Ki Moon e le sue persone in generale

Uccidi! Uccidi! Uccidi! Uccidi! Uccidi! 

Questa è una guerra contro i cristiani!”

BRINGBACKOURGIRLS