Michelle Obama

Il papa twitta e Michelle Obama promette aiuti: le ragazze nigeriane sono meno sole?

Uniamoci tutti nella preghiera per l’immediato rilascio delle liceali rapite in Nigeria è il tweet di papa Francesco con l’hashtag #bringbackourgirls, per le ragazze rapite in Nigeria. Le parole del papa fanno eco all’attenzione internazionale che in questi giorni sta avendo la questione. 
La First Lady americana Michelle Obama, promette aiuti concreti dagli Usa. La mogli del presidente ha ricordato che il caso nigeriano non è isolato e che nel mondo ci sono 65milioni di ragazze vittime di abusi di ogni genere.
Parole di appello anche dalla nostra presidente della Camera Laura Boldrini, che sottolinea come le bambine siano assimilabili alle nostre stesse figlie.
Rimaniamo nella speranza che la mobilitazione internazionale aiuti le ragazze a tornare presto a casa.

#BringBackOurGirls

Advertisements

#BringBackOurGirls

(fonte: ANSA)
Michelle Obama prega per le liceali rapite in Nigeria dai ribelli islamici di Boko Haram. Lo ha affermato le stessa, in un tweet in cui ha pubblicato anche una foto di se stessa mentre mostra un cartello con scritto: #BringBackOurGirls (riportate indietro le nostre ragazze), l’hashtag di solidarieta’ alle ragazze sequestrate. “Le nostre preghiere sono per le ragazze nigeriane rapite e per le loro famiglie. E’ ora che #BringBackOurGirls”, firmato MO, Michelle Obama. Del dramma delle centinaia di liceali sequestrate in Nigeria ha parlato anche il presidente Obama. Gli Stati Uniti, ha detto, stanno facendo “tutto cio’ che possono” per aiutare la Nigeria ad ottenerne la liberazione.
Malala, non dobbiamo restare in silenzio – ”Non dobbiamo rimanere in silenzio”. Malala Yousafzai, la ragazza pachistana sopravvissuta ad un attacco dei talebani, parla del rapimento delle oltre 200 liceali in Nigeria. Quando ho saputo del rapimento, dice in un’intervista alla Bbc, ”ho sentito che le mie sorelle erano in prigione”. Malala sottolinea poi quanto sia importante ”non rimanere in silenzio” perché così facendo potrebbe succedere ”ancora e ancora”.
#BringBackOurGirls